“Decreto-legge prevenzione vaccinale” – I nuovi obblighi vaccinali

Ai sensi del “Decreto-legge prevenzione vaccinale” si comunica a tutti i genitori quanto segue:

I ragazzi nati dal 2001 al 2004 devono effettuare (ove non abbiano già provveduto) le quattro vaccinazioni già imposte per legge (anti-epatite B; anti-tetano; anti-poliomielite; anti-difterite) e l’anti-morbillo, l’anti-parotite, l’anti-rosolia, l’anti-pertosse e l’anti-Haemophilus influenzae tipo b, raccomandate dal Piano Nazionale Vaccini 1999-2000

Sono esonerati dall’obbligo di vaccinazione:

  • i soggetti immunizzati per effetto della malattia naturale (ad esempio i bambini che hanno già contratto la varicella non dovranno vaccinarsi contro tale malattia)
  • i soggetti che si trovano in specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta.

Il vaccino è posticipato quando i soggetti si trovano in specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta. Ad esempio, quando versino in una malattia acuta, grave o moderata, con o senza febbre.

DIRIGENTI SCOLASTICI E RESPONSABILI DEI SERVIZI EDUCATIVI HANNO L’OBBLIGO DI RICHIEDERE, ALL’ATTO DELL’ISCRIZIONE, ALTERNATIVAMENTE:

  • idonea documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni;
  • idonea documentazione comprovante l’esonero per intervenuta immunizzazione per malattia naturale;
  • idonea documentazione comprovante l’omissione o il differimento della somministrazione del vaccino;
  • copia della prenotazione dell’appuntamento presso la azienda sanitaria locale.

La semplice presentazione alla ASL della richiesta di vaccinazione consente l’iscrizione a scuola, in attesa che la ASL provveda ad eseguire la vaccinazione (o a iniziarne il ciclo, nel caso questo preveda più dosi) entro la fine dell’anno scolastico.Il genitore può anche autocertificare l’avvenuta vaccinazione; in tal modo ha tempo per presentare copia del libretto vaccinale sino al 10 luglio di ogni anno.

Nel caso in cui il genitore/tutore non presenti alla scuola la documentazione attestante l’avvenuta vaccinazione, l’esonero, l’omissione o il differimento, gli studenti possono comunque accedere a scuola; il Dirigente scolastico è tenuto a segnalare la violazione entro 10 giorni dal termine per la presentazione della documentazione.
l’ASL contatta i genitori/tutori per un appuntamento e un eventuale colloquio informativo indicando le modalità e i tempi nei quali effettuare le vaccinazioni prescritte.

Se i genitori/tutori non si presentano all’appuntamento oppure, a seguito del colloquio informativo, non provvedano a far somministrare il vaccino al ragazzo, l’ASL contesta formalmente l’inadempimento dell’obbligo.

La mancata osservanza dell’obbligo vaccinale a seguito della contestazione dell’ASL comporta per genitori/tutori una sanzione amministrativa pecuniaria da 500 Euro a 7.500 Euro, proporzionata alla gravità dell’inadempimento. Non si incorre in sanzione quando si provveda a far somministrare al minore il vaccino o la prima dose del ciclo vaccinale nel termine indicato dalla ASL nell’atto di contestazione, a condizione che completino il ciclo vaccinale nel rispetto delle tempistiche stabilite dalla ASL.

L’AZIENDA SANITARIA LOCALE COMPETENTE deve segnalare alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni l’inadempimento dell’obbligo vaccinale da parte dei genitori.
A seguito della segnalazione, sarà il magistrato a valutare se sussistono i presupposti per l’eventuale apertura di un procedimento.

Per l’anno scolastico 2017/2018, sono dettate specifiche disposizioni transitorie per la fase di prima applicazione del decreto:

ENTRO IL 31 OTTOBRE 2017

  • l’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige sta provvedendo ad inviare a tutti i minori di 16 anni un documento attestante la situazione vaccinale da consegnare alla segreteria dell’Istituto; in alternativa per l’avvenuta vaccinazione può essere presentata la relativa documentazione*, oppure un’autocertificazione.
  • per l’omissione, il differimento e l’immunizzazione da malattia deve essere presentata la relativa documentazione;
  • coloro che sono in attesa di effettuare la vaccinazione devono presentare copia della prenotazione dell’appuntamento presso l’ASL.

Nel caso in cui sia stata precedentemente presentata l’autocertificazione, deve essere presentata la documentazione comprovante l’avvenuta vaccinazione entro il 10 marzo 2018.

 

* copia del libretto delle vaccinazioni previa recente vidimazione dell’Azienda Sanitaria competente, o certificazione rilasciata dall’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige che può essere richiesta anche via mail all’indirizzo vaccinazioni.bz@sabes.it, allegando copia della carta di identità del genitore richiedente.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’articolo 13 del decreto legislativo 30 giungo  2003, n. 196 („Codice in materia di protezione dei dati personali“) in relazione alle disposizioni di cui al decreto legge n. 73/2017